martedì, luglio 16, 2013

Mi ricordo. Mi ricordo del domani e cerco di prevedere il passato, cavalcando l'onda anomala del presente che tutto sconquassa. Il passato è uno stato mentale, provoca sensazioni, emozioni reali, come può pertanto non esistere? E' la nostra personale vasca per i pesci, acqua limpida con piccole zone di guazza e mota intorno ai pesci più grandi, che tuttavia non fanno paura, al massimo ci fanno ammutolire con la loro presenza. Ma continuano a muoversi sullo sfondo, lenti, immutabili. O forse no. Forse è necessario cambiare il vetro affinché le immagini siano meno distorte, ma tutto sommato regna equilibrio tra i mondi dell' io interiore. Qualche volta arriva una piccola tempesta, che tutto stravolge, ma ogni singolo elemento ritrova immancabilmente il suo ruolo e il bilanciamento con tutto il resto. Tutto sommato, è stata una bella giornata (bancomat a parte, ma vi spiegherò in seguito).
Questo blog è un tesoro. Un minutissimo e dettagliatissimo messaggio in bottiglia che ora vaga nell'immensità oceanica dei grandi silenzi e degli strepiti assordanti. In attesa che qualcuno si metta, pazientemente, a pescare.