giovedì, settembre 13, 2007

Trenta


Comincio ad essere monotono, lo so. Ma anche meno temporeggiatore, e quantomai deciso a correre. Il mio quindicesimo esame di vecchio ordinamento era una prova importante per diversi motivi; in primis didattici, trattandosi di un insegnamento d' indirizzo fondamentale. In secondo luogo, per motivi che riguardano la mia sfera intima e personale. E' stata una vittoria contro l' angoscia e la disperazione, contro la parte più becera della mia indolenza. E' stato un regalo fatto e ricevuto, come se ne fanno e vedono pochi, una promessa particolare dal sapore agrodolce. Non dirò di più, se non che ora c' ho un sonno che me se stracìna. Buon pranzo e buona domenica a tutti( quando arriverà).

9 commenti:

Petite Kiki ha detto...

Trenta..
Trenta volte complimenti.
Trenta sorrisi, tutti per te.

Felice, felice, felice per te. Davvero. Continua dritto così, non ti fermare, non guardare indietro ma solo dinnanzi a te.

Ti abbraccio, forte forte.

Kk.

Baol ha detto...

ebbravo!!!

Scalia ha detto...

Daje... sempre cor veleno.
Ti abbraccio.

N.

dressel1981 ha detto...

ne ero certa.

ziomagritte ha detto...

Sebbene stavolta abbia un significato particolare e te lo meriti più che mai...hai rotto i coglioni co sti 30!!!!!!!!!un abbraccione, e vedi di venire a farti un giro nella lussureggiante ex capitale morale...

dressel1981 ha detto...

in effetti sono d'accordo con ziomagritte...

s1lvia ha detto...

oh bravo cannù! complimenti!
non se ne può più di st'esami, che stress però

ciao e buon fine settimana ;)

Alice ha detto...

allora ora sei in vacanza vero???
.....ce lo prendiamo un caffè domani???....
io ancora cazzeggio....notte
Sgugina

sgamas ha detto...

daje!