giovedì, maggio 29, 2008

Faccisti su Marte due


Nzomma sembra che alla prossima festa der Cinema ce starà sta proiezzione der seguito de Fascisti su Marte, da un' idea di Pasquale Squitieri e Luca Barbareschi prodotto da Mara Carfagna. Dice che nzomma la storia aripija dar finale della prima, e c' è no scenzato pazzo cor pizzetto alla lincoln che je viè in mente de clonà senza fecondazione eterologa er clono de Barbagli, e quindi fa sta clonazzone da quarche capello der gerarca sparso qua e là nell' archivi dell' Istituto luce. Difatti c' è un sindaco dell' Urbe che c' ha bisogno de un ripassino sur ventennio, siccome che je vò da li manganelli a li vigili urbani e je vò pure imparà a usarli in quarche maniera oltre che pè mescolà er zucchero ner caffè ar baretto. Ma li communisti sò in agguato, e rubbano uno dei capelli pè clonà er gemello malvaggio de Barbagli. Arrivati a questo punto...

2 commenti:

Nicolò ha detto...

...allora Maurizio Gasparri vestito da Zorro va a casa de un pronipote de Achille Starace a chiede consiglio, ma il pronipote je dice che nun c'ha tempo che deve annà co Ronaldo a travestiti dalle parti de Milanello e allora Gasparri in lacrime butta la spada e chiama Sandro Bondi che je recita na poesia pe' telefono.
Però arriva il Vice-sindaco della fascistissima capitale Mario Cutrufo che je dice: "A Maurì nnamiosi a magnà na cosa a casa de Schifani che c'ha pure la cammeriera bona".
E allora i due ner mentre che vanno i comunisti mannano na foto der capello de Barbagli che tiene in mano La Repubblica del giorno prima. E allora Cossiga subbito dice che a lui nu je frega un cazzo, che già c'è passato e che s'è pure rotto li cojoni co sta storia delle foto e delle stelle coe punte e dee mitrajette.
Ma però dar cesso der secondo piano de Palazzo Madama ecco che scenne Calderoli co la cartaigienica che esce da li carzoni e dice che la polenta co le cozze der Pò j'ha fatto venì un'intuizione di dove ponno stà sti comunisti zozzi.
E allora vanno tutti a casa de Fini e je dicheno: "Aò, te hai fatto pace co Israele, hai detto che Almirante ha detto frasi vergognose, te sei ripulito da sto glorioso passato... ma nu è che sotto sotto sei diventato comunista e pure un pò frocio che t'amo visto tutti come guardi Casini...".
E allora Fini se mette a piagne e La Russa se incazza e dice: "Sta a piagne... è frocio!".
E allora tutti se mettono a fa le consultazioni e sur più bello arriva na lettera de Veltroni che c'è scritto sopra "Er capello l'ho preso io perchè Sirvio m'ha detto che er trapianto se sta a scolorì allora l'ho accompagnato in Svizzera che così vedemo che se pò fà. La foto co La Repubblica era pe svià, pe pià un pò de tempo. Adavede quanno tornamio che chioma fluente che c'avrà Sirvio mio. Io ner mentre me vado a fa le terme a un posto vicino Losanna e poi vado aa festa der Cinema muto de Zurigo. Se vedemio lunedì aa Cammera. Ciao.".
E allora tutti esultano e organizzano un rave ner giardino della Montalcini ma però nun invitano Di Pietro che quello pare che fa a spia se vede quarcuno che se fa le canne. E poi vivono felici e condannati e speriamio che anzi che i fascisti su Marte, vengono i marziani sulla terra e danno na ripulita.

haikel.bak@gmail.com ha detto...

Ma di chi parliamo Luca Barbareschi attore o politico?

O<-<