giovedì, maggio 22, 2008

Penso, Sonno


La stanchezza mi copre come un cappotto invernale, il letto mi chiama a gran voce come se fosse pronta la pasta. Ho un gran bisogno di dormire, di assaporare quel piacere ineffabile della perdita progressiva e inarrestabile dei sensi, di lasciare che un libro aperto rimanga schiacciato sul mio viso finché pian piano scivola a terra, di destarmi l' indomani con l' impressione di essermi addormentato sulla spiaggia col solleone mentre avevo semplicemente dimenticato di spegnere l' abat jour...

Voi direte: e allora che aspetti a coricarti?!?

Ed io vi risponderò: ma chi aspetta, sto già dormendo e tutto questo è un sogno.

Devo capire se frutto della peperonata o di un alka seltzer.

4 commenti:

mokorrigan ha detto...

Sonno... accomuna le nostre giornate. Dopo un mese e mezzo intensivo di lavoro ho bisogno di pausa. Ma dormire chiama altro sonno, riusciremo mai a svegliarci? Un bacio

rompina ha detto...

dormire fa bene...e chi dice di no mente!!! ;oD

buon riposo, goditi i tuoi sogni in orizzontale...

DottoressaDressel1981 ha detto...

"io sono solo un povero cadetto di guascogna, però non la sopporto la gente che non sogna"...quando ti deciderai a "inguccinarti" a dovere?????

haikel.bak@gmail.com ha detto...

Penso, Sonno.
Penso quindi sonno.
Penso sonno.
Sonno perso se penso.
Per dormire bene e sognare altrettanto ci vuole memoria.

O<-<