lunedì, gennaio 21, 2008

Cos'è la Romania?

Qualcuno di voi conosce , per caso, un pò di Storia della Romania? Andrebbe bene anche la cronaca; qualsiasi notizia, insomma, che testimoni l' esistenza di questo paese europeo, ormai membro anche della UE. Vi giuro che, a partire dalla caduta del governo di Ceausescu, io non ho più sentito parlare della Romania se non in relazione ai suoi abitanti transfughi, ossia i Romeni. Che non sarebbero tali senza una patria, ovviamente. Eppure sembra che nell' immaginario collettivo nascano quasi per partenogenesi dalla terra, una terra cattiva che li predispone naturalmente alla delinquenza e alla volgarità gratuita. Quando penso alla " Dacia" non riesco a focalizzare altro che le intense e crude immagini istoriate della colonna traiana, alla transilvania di Bram Stoker e, miseramente, ad un lembo di terra colorato su una cartina geografica. Immagino che questo processo mentale non sia da imputare unicamente alla mia pigrizia intellettuale, o all' assenza di interesse verso realtà " altre" rispetto al misero microcosmo italiano. C' entra qualcosa anche una certa retorica mediatica assorbita senza filtri critici, uno stereotipato vizio all' omologazione dei tipi etnici a prescindere dalla loro nazionalità o in virtù( o difetto) delle caratteristiche climatiche del loro suolo natale che sembrava superato dalla geografia moderna. Se escludiamo una breve ed intensa campagna pubblicitaria per il turismo in romania all' indomani dell' ingresso della stessa nell' UE, non ho mai sentito o conosciuto qualcuno che sapesse veramente che cazzo succeda in quel paese, quanto se la passino male i suoi abitanti, che tipo di disperazione abissale possa spingere migliaia e migliaia di persone ad abbandonare la propria casa per cercare fortuna nella terra dell' ingiustizia sociale e del degrado pseudoliberista, ossia l' Italia.

Giuro che mi informerò al più presto su ogni cosa.

6 commenti:

dressel1981 ha detto...

commento intelligente il tuo. non dirmi che pensi anche tu ai daci mogi, mogi dell'arco di costantino...

LeCannu ha detto...

No, penso a quelli stravolti della colonna traiana..

A proposito, sai perchè i russi chiamano " dacia" quel particolare tipo di villa che costruiscono loro?

Un bacio!

haikel.bak@gmail.com ha detto...

Mah, molti dei romeni che ho conosciuto io facevano la stagione in Italia e poi coi soldi a pizzo se ne stavano beati in Romania a costruire la propria casa. Altri si sono fatti corrompere dallo stile di vita e dai telefonini, decidendo di restare in Italia. Altri ancora hanno costruito un business tra i due paesi (legale o meno).
Per il resto non so nulla piu'. Forse i ricchi possono permettersi di starsene a casetta.
Lessi per caso e non ricordo dove che l'uomo piu' ricco del mondo e' romeno ... si, anch epiu' di Bill Gates. Questo tizio pare abbia brevettato un'interfaccia che permetta di decodificare le intenzioni di una persona per pilotare macchine. Lettura del pensiero!!! Magari e' la solita panzana.
Cmq quando voglio visitare un posto senza spendere molto vado su google maps e poi zummo sulle citta' piu' grandi per guardare le case delle persone, gli incroci delle strade, i cani che pisciano ... e immagino la vita di queste persone come in un Truman Show.
Ciao man
O<-<

Mokorrigan ha detto...

...non c'entra nulla... ma... cannù, mi mancano le domande del lunedì...
@haikel: sei un mappofilo? io adoro immergermi nel quotidiano delle città che non conosco. poi ogni tanto prendo una via a caso e mi ci affeziono... *..* oltre ormai ad aver dato una vita, un nome, e mille altre immagini fantasiose a tutte le zone e le persone della mia città... ok, lo ammetto... amo guardare dentro le case, quando ci sono ancora le luci accese, durante l'ora di cena... mentre tutti sono indaffarati nel loro piccolo show quotidiano... che non c'entra nulla con la Romania, ma in attesa di un'idea più precisa su quello che penso a riguardo, l'unica cosa che mi è venuta in mente è che io non riesco a vedere sempre e solo le differenze. Le persone sono molto più simili di quanto non si pensi, e se le culture sono differenti... beh, il bello è questo... se ne può parlare. Forse vivo in un mondo di fiaba... fiabe e teletubbies... e allora chiudo questo commento interminabile con il riferimento all'inizio: mi mancano le domande del lunedì, e non è lunedì...

haikel.bak@gmail.com ha detto...

Si potesse spiare la vita degli altri ... pagheremmo tutti l'abbonamento nella vaga speranza di rubare il segreto della felicita' al prossimo.
In verita' bisognerebbe spiarsi dentro: guardarsi i polmoni, il cuore, il fegato, l'intestino, il pancreas, il cervello ...
Soprattutto osservare noi stessi con gli altri e amarci un po' di piu'.
O<-<

dressel1981 ha detto...

leggi il mio penultimo post