mercoledì, agosto 23, 2006

Me sò sbajato


" A Ché, t' aricordi li momenti de 'na vorta,
Quanno che eravamo regazzi de borgata,
A ride, a scherzà all' osteria fori de Porta,
Quanno ce bastaveno 'n quartino e na risata?

C'era Giggi a pietralata che rompeva li cojoni,
E poi Mario er pellicciaro co' quell' artri du boiaccia
Uno era pietro. l'artro oreste, du' emeriti fregnoni

T' aricordi, ah Ché, li bagni drentro a Fiume,
E le corse giù pe' Ripa pe' rincorre 'e ciumachelle,

t'aricordi , a Ché.. A Ché..

..Aò, ma tu nun sei Checco!!!"

1 commento:

liquerizia ha detto...

e a chi non e' successo?
ah,aspetta.
a me credo.
bacio