martedì, agosto 22, 2006

Tenui intestini


ed elli avea del cul fatto trombetta

Sorpreso da un'emozione che spinge ad alzarsi. Stanco dello sgradevole ricorrere della situazione o semplicemente abbandonato a ciò che non si può controllare. Capita a volte di doversi fermare per rimanere soli, cercare nella parete quelle imperfezioni di muratura che catturano lo sguardo e lasciarsi trafiggere da un calore diffuso. Giorni di vita scorrono intorpiditi, segnati dal timore di un' eventualità tendenzialmente maleodorante. Si accetta l'inumana condizione di fastidio e il pensiero corre alla scienza e ai suoi antidoti, al leggero nutrirsi, ad un'acqua che purifica. Una chimica lotta di virali eserciti, un campo di guerra che non vorresti essere tu e il mio sincero augurio per una regolarità ritrovata.

1 commento:

coriolano ha detto...

caro armstrong complimenti! permettimi di salutarti con un prosaico:
"Chi prima la sente sotto gli pende"