sabato, agosto 05, 2006

paralleli sul telo, con acrobazie concettuali..

Sdraiati sui nostri teli da mare e costantemente frustati dal vento sabbioso, io ed Higuerra parlavamo a ruota libera. Lui assorto come al solito, gesticolando con un libro di borges nella mano destra, io raggomitolato quasi in posizione fetale mentre il debole sole del tramonto mi faceva scivolare in un delizioso stato di torpore...
Io ed higuerra parlavamo d' amore, e al solito la discussione è scivolata inevitabilmente verso le donne, l' interrogativo più grande ed affascinante della nostra vita. Esponevo ad higuerra le mie teorie un pò pessimistiche sullo svolgimento dei rapporti di cuore, tanto che lui mi ha tacciato, con un sorriso sulle labbra, di " determinismo sentimentale", e non ho potuto non dargli ragione: sulla base delle mie esperienze pregresse, spesso penso di poter individuare un meccanismo comune ed inevitabile nel decorso delle storie, o quantomeno nella dinamica che scatta nella mente delle mie partner. Finendo spesso per tirarmi indietro, o per affrontare comunque un nuovo rapporto stando sul chi va là. Higuerra sosteneva con serenità che bisognerebbe smetterla di pensare all' universo femminile in un ottica di conflittualità perenne che genera paura, timidezza, e infine misoginia, abbandonare il concetto di " lotta" e "conflittualità" che incosciamente adottiamo ogni volta che ci relazioniamo con l' altro sesso. Cercare, insomma, di essere più rilassati e privi di schemi precostituiti.
Se è pur vero che ho imparato a vivere anche con slancio i miei periodi da single, senza che il desiderio della ricerca mi ossessionasse, devo ammettere che la teoria di higuerra ha colto nel segno, e mi ha fatto riflettere. Sento di essere molto più sereno, ora, forse perchè ho sentito dire da un amico ciò che da tempo avevo bisogno di sentirmi dire: crea una linea netta di demarcazione con un certo passato, affronta tutto ciò che viene come se fossi " neutro" ( quest' ultima parola l' ha detta higuerra). Dalla mia ho comunque la fiducia in ciò che ancora non vedo, in ciò che dovrà avvenire, nel potenziale umano che sfrigola intorno a me in ogni momento..

Non so se ciò che ho appena detto è di vostro interesse, ma comunque.. grazie, higuerra!

Nessun commento: